Sentenza della Corte di Cassazione n. 12806 del 06.06.2014

Stampa

Legittimo il licenziamento dell'educatrice che si assenta per ferie non autorizzate

Il Comune decide di utilizzare le educatrici, durante il mese di luglio, a potenziamento dell’offerta di servivi estivi. Un’educatrice, preso atto dell’ordine di servizio, presenta richiesta per otto giorni di ferie, che le vengono formalmente negate. Ma la dipendente, dichiarando di non volersi piegare al predetto ordine di servizio, ritenuto vessatorio, si assenta ugualmente. Il Comune attiva il procedimento disciplinare, che si conclude con il licenziamento. Avverso il relativo ricorso, la Corte di Cassazione, sezione lavoro, con la sentenza n. 12806 del 6 giugno 2014, ha ritenuto legittimo l’operato dell’amministrazione comunale in quanto l’art. 55 quater del D.Lgs. n. 165/2001 prevede la sanzione del licenziamento per assenze ingiustificate superiori a tre giorni, anche non continuativi, nel biennio.

Scarica la sentenza
 

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento: privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information