Consiglio di Stato sez. III, ordinanza n. 1894 del 9 maggio 2014 E-mail
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA - Diritti Sociali

Sul ricorso numero di registro generale 3092 del 2014, proposto da: Regione Piemonte, Il Consiglio di Stato, con l'ordinanza in questione, sospende la sentenza del T.A.R. PIEMONTE - TORINO: SEZIONE II n. 00199/2014 che annullava l’Allegato A della d.G.R. n. 14-5999, del 25 giugno 2013, e parzialmente la d.G.R. n. 85-6287, del 2 agosto 2013.

Scarica l'ordinanza
 
Consiglio di Stato sez. III, ordinanza n. 1893 del 9 maggio 2014 E-mail
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA - Diritti Sociali

Sul ricorso numero di registro generale 3200 del 2014, proposto da: Regione Piemonte, Il Consiglio di Stato, con l'ordinanza in questione, sospende la sentenza del T.A.R. PIEMONTE - TORINO: SEZIONE II n. 00201/2014 che annullava parzialmente la d.G.R. n. 14-5999, del 25 giugno 2013,ed integralmente la d.G.R. n. 85-6287, del 2 agosto 2013.

Scarica l'ordinanza
 
Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 15-7432 E-mail
ATTI REGIONALI IN MATERIA SOCIALE - Atti e DGR in materia sociale

D.G.R. 15 aprile 2014, n. 15-7432

sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 19 del 8 maggio 2014 è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 15-7432: "Approvazione di indicazioni operative per i servizi inerenti i luoghi per il diritto-dovere di visita e di relazione (cosidetti di luogo neutro)".

approfondimento sui luoghi neutri

 
Deliberazione della Giunta Regionale 17 aprile 2014, n. 3-7471 E-mail
PIEMONTE SOCIALE - home

D.G.R. 17 aprile 2014, n. 3-7471

sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 19 del 8 maggio 2014 è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 17 aprile 2014, n. 3-7471: "Parziale modifica della D.G.R. n. 26-6993 del 30 dicembre 2013 "Modalità di gestione delle prestazioni domiciliari in lungoassistenza a favore delle persone non autosufficienti".

 
REGOLAMENTO 7 marzo 2014 , n. 215 E-mail
Unione Europea - i Servizi Sociali nell'Unione Europea



Sulla Gazzeta Ufficiale 2a Serie Speciale - Unione Europea n. 33 del 5 maggio 2014 è stato pubblicato il REGOLAMENTO 7 marzo 2014, n. 215, : Regolamento n. 215/2014 della Commissione, del 7 marzo 2014, che stabilisce norme di attuazione del regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca per quanto riguarda le metodologie per il sostegno in materia di cambiamenti climatici, la determinazione dei target intermedi e dei target finali nel quadro di riferimento dell'efficacia dell'attuazione e la nomenclatura delle categorie di intervento per i fondi strutturali e di investimento europei - Pubblicato nel n. L 69 dell'8 marzo 2014 (14CE0642).

 
Decreto-legge 6 marzo 2014, n. 16 E-mail
NORMATIVA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Spending review e stabilizzazione finanziaria

Decreto-legge 6 marzo 2014, n. 16 - Testo coordinato con legge di conversione

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 2014, è stato pubblicato il decreto-legge 6 marzo 2014, n. 16 , recante: "Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche".

CONVERTITO con Legge 2 maggio 2014, n. 68 pubblicata su Gazzetta Ufficiale n. 102 del 5 maggio 2014.

 
Ordine Assistenti Sociali del Piemonte E-mail
PIEMONTE SOCIALE - home

Apertura candidature Consiglio Regionale di Disciplina – Scadenza ore 12 del 16 maggio 2014

Gli/le assistenti sociali in possesso dei requisiti richiesti potranno presentare la propria candidatura compilando e inviando il modulo di domanda, corredato da copia di un documento di identità in corso di validità e dal curriculum vitae, entro le ore 12.00 del 16 maggio 2014, con le seguenti modalità: leggi tutto
 
Obbligo del certificato penale per i soggetti che operano con minori E-mail
SERVIZI SOCIALI - Famiglia e Minori
Il 6 aprile è entrato in vigore il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 39 il quale ha attuato la direttiva europea 2011/93/UE relativa alla lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile.
L’articolo 2 del citato decreto stabilisce che il soggetto che intenda impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori deve richiedere il certificato penale del casellario giudiziale. In caso di mancato adempimento il datore di lavoro è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 10.000,00 a euro 15.000,00 (art. 2 D.L. 39/2014). A fronte delle incertezze derivanti dall'interpretazione di tale norma, con particolare riferimento alla sua applicabilità a forme di collaborazione a titolo volontaristico, l'Ufficio legislativo del Ministero della Giustizia, ha predisposto una nota di chiarimento, con la quale viene precisato che l'obbligo non sorge ove ci si avvalga di forme di collaborazione che non si strutturino all'interno di un definito rapporto di lavoro. Una seconda nota, fornisce altresì indicazioni operative per la fase di prima applicazione della norma e, in particolare in merito alla possibilità del datore di lavoro di procedere all'assunzione del lavoratore, nelle more del rilascio del certificato penale del casellario giudiziale, acquisendo, da parte dello stesso, la dichiarazione sostitutiva di certificazione (se datore di lavoro pubblico) o la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (se datore di lavoro privato), circa l'assenza, a suo carico, di condanne riferite ai reati di prostituzione minorile (art. 600 bis del C.P.), pornografia minorile (art. 600 ter del C.P.), detenzione di materiale pornografico (art. 600 quater del C.P.), turismo per sfruttamento della prostituzione minorile (art. 600 quinquies del C.P.) e adescamento di minori (art. 609 undecies del C.P.).

Sul tema è anche intervenuto la Direzione Generale per l'attività ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che con circolare n. 9 del 11 aprile 2014 ha precisato che l'obbligo non riguarda tutti i rapporti già in essere alla data del 6 aprile 2014.

scarica la nota n. 1
scarica la nota n. 2

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali scarica la Circolare
 
Fondo Nazionale Politiche Sociali per l'anno 2014 E-mail
RISORSE PUBBLICHE - FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale (G.U Serie Generale n. 101 del 03.05.2014) il decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che ripartisce tra le Regioni ed il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali il fondo nazionale delle politiche sociali. La quota destinata alle Regioni è di 262.618.000,00 di euro, mentre al dicastero sono destinati 34.799.713 34.799.71334.799.713 ,00 di euro.

 

Alla Regione Piemonte assegnati €. 18.855.972,40.

Scarica il decreto 21 febbraio 2014

 


Pagina 65 di 77
free pokerfree poker

SOSTENITORI E SPONSOR DI PIEMONTE SOCIALE

 


 

Associazione

di Volontariato

La Tavola Rotonda



Sito realizzato da Gianni Zillante by JOOMLA

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento: privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information