AGRICOLTURA SOCIALE

 

Secondo il parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema «Agricoltura sociale:  terapie verdi e politiche sociali e sanitarie» del 19 gennaio 2012 (2013/C 44/07), una definizione di agricoltura sociale potrebbe essere la seguente:

“un insieme di attività – ad esempio riabilitazione, terapia, posti di lavoro protetti, apprendimento permanente e altre attività intese ad agevolare l'inserimento sociale (secondo la definizione dell'azione COST 866 Green care in agricolture - iniziativa Cooperazione europea in campo scientifico e tecnologico) – che impiegano risorse agricole, sia vegetali che animali, al fine di creare prestazioni sociali nelle aree rurali o periurbane.

In questo senso, scopo dell'agricoltura sociale è, tra l'altro, creare le condizioni, all'interno di un'azienda agricola, che consentano a persone con esigenze specifiche di prendere parte alle attività quotidiane di una fattoria, al fine di assicurarne lo sviluppo e la realizzazione individuale e di migliorare il loro benessere.

Attualmente nell'agricoltura sociale si possono distinguere quattro settori principali di attività:

a) le attività rieducative e terapeutiche,

b) l'inserimento nel mondo del lavoro e l'inclusione sociale,

c) le attività pedagogiche,

d) i servizi di assistenza alla persona.”

A seguito dell'approvazione della Legge 18 agosto 2015, n. 141, il legislatore italiano ha provveduto a dare una definizione normativa di agricoltura sociale.

L’Agricoltura Sociale comprende l’insieme di pratiche svolte su un territorio da imprese agricole, cooperativesociali e altre organizzazioni che coniugano l’utilizzo delle risorse agricole con le attività sociali. Le attività dell’Agricoltura Sociale sono finalizzate a:

• generare benefici inclusivi, favorire percorsi terapeutici, riabilitativi e di cura;

• sostenere l’inserimento sociale e lavorativo delle fasce di popolazione svantaggiate e a rischio di marginalizzazione;

• favorire la coesione sociale, in modo sostanziale e continuativo.

Tali attività sono realizzate in cooperazione con i servizi socio-sanitari e gli enti pubblici  competenti del territorio e sottoposte a verifiche periodiche.

L’agricoltura Sociale è una prassi di sviluppo locale sostenibile socialmente, economicamente ed ecologicamente. In quanto parte dell’agricoltura multifunzionale, essa può offrire un'ampia gamma di servizi finalizzata a perseguire il benessere dell’intera cittadinanza e quindi rispondere ad un più ampio bisogno di politiche di welfare.

L’Agricoltura Sociale mira a riunificare bisogni, identità, tutele ed istanze di libertà per tutti i cittadini, indipendentemente dalle loro più o meno elevate abilità. In questo si ritrova il valore del lavoro non solo come fonte di reddito individuale, ma anche come elemento fondante di una società più giusta, più coesa e sostenibile.



Determinazione Dirigenziale 26 settembre 2017, n. 938

D.D. 26 settembre 2017, n. 938

sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 48 del 30 novembre 2017 è stata pubblicata la Determinazione Dirigenziale 26 settembre 2017, n. 938: "Elenco Regionale delle Fattorie Didattiche del Piemonte. Aggiornamento Agosto 2017".

Accreditamento e iscrizione nell’elenco regionale
 
Avviso pubblico - scadenza 20 novembre 2017

Avviso pubblico per la presentazione delle offerte per servizio di supporto alla realizzazione di servizi innovativi di agricoltura sociale per l'integrazione dei migranti nelle aree montane e rurali - Progetto Alpine Space “Pluralps”.

L’operatore può partecipare alla procedura soltanto in raggruppamento temporaneo con altri operatori. In caso di costituendo raggruppamento temporaneo, l’offerta congiunta deve essere sottoscritta da tutti gli operatori raggruppati e deve contenere l’impegno che, in caso di aggiudicazione della gara, gli stessi conferiranno mandato collettivo speciale con rappresentanza ad uno di essi, da indicare in sede di offerta e qualificato come mandatario. Non è ammessa la partecipazione contestuale di uno stesso soggetto come componente di diversi raggruppamenti. L’inosservanza di tale prescrizione comporterà l’esclusione dei raggruppamenti ai quali il soggetto partecipa continua

 
Operativo l’Osservatorio nazionale dell’agricoltura sociale

Si è svolta – lo scorso 26 gennaio – la prima riunione di insediamento dell’Osservatorio nazionale dell’agricoltura sociale, presieduto dal Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina e dal Vice Ministro Andrea Olivero.

L’Osservatorio nazionale è stato istituito dalla Legge quadro sull’agricoltura sociale (Legge 18 agosto 2015, n. 141) e prevede la partecipazione di rappresentanti delle amministrazioni centrali (Ministero dell’Agricoltura, del Lavoro, dell’Istruzione, della Giustizia, della Salute), regionali (Conferenza Stato-Regione), delle organizzazioni professionali agricole e delle organizzazioni e associazioni operanti nell’ambito dell’agricoltura sociale continua

 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  Succ. 
  •  Fine 


Pagina 1 di 3
free pokerfree poker

 

COORDINAMENTO

REGIONALE

Enti Gestori

dei Servizi Sociali


Sito realizzato da Gianni Zillante by JOOMLA

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento: privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information