SPECIALE

LIVELLI ESSENZIALI

DI ASSISTENZA

SPECIALE

Percorsi di Attivazione

Sociale Sostenibile

SPECIALE


Sostegno

per l' Inclusione Attiva

Reddito di Inclusione

SIUSS - exCASELLARIO
PRESTAZIONI SOCIALI

PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

 

Per prestazioni sociali si intendono le prestazioni di natura assistenziale, ovvero, ai sensi dell'articolo 128 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, nonché dell'articolo 1, comma 2, della legge 8 novembre 2000, n. 328, tutte le attività relative alla predisposizione ed erogazione di servizi, gratuiti ed a pagamento, o di prestazioni economiche destinate a rimuovere e superare le situazioni di bisogno e di difficoltà che la persona umana incontra nel corso della sua vita, escluse soltanto quelle assicurate dal sistema previdenziale e da quello sanitario, nonche' quelle assicurate in sede di amministrazione della giustizia. Le relative informazioni dovrebbero confluire all'interno del Casellario dell'Assistenza, nella Banca dati delle prestazioni sociali di cui all'articolo 4 del decreto 16 dicembre 2014, n. 206.

 

Per prestazioni sociali che per la loro natura richiedono interventi di valutazione e presa in carico da parte dei servizi sociali si intendono le prestazioni sociali a cui si associata una presa in carico da parte del servizio sociale professionale del sistema pubblico. Per questo tipo di prestazioni il riferimento alla condizione economica è solo eventuale, e le relative informazioni dovrebbero confluire all'interno del Casellario dell'Assistenza, nella Banca dati della valutazione multidimensionale per la presa in carico di cui all'articolo 5 del decreto 16 dicembre 2014, n. 206. (Modulo SINBA per area famiglia e minori, modulo SINA per area disabilità e non autosufficienza, modulo SIP per povertà, esclusione sociale e altre forme di disagio).

 

Per prestazioni sociali agevolate si intendono le prestazioni sociali non destinate alla generalità dei soggetti, ma limitate a coloro in possesso di particolari requisiti di natura economica, ovvero prestazioni sociali non limitate dal possesso di tali requisiti, ma comunque collegate nella misura o nel costo a determinate situazioni economiche, fermo restando il diritto ad usufruire delle prestazioni e dei servizi assicurati a tutti dalla Costituzione e dalle altre disposizioni vigenti. Le relative informazioni dovrebbero confluire all'interno del Casellario dell'Assistenza, nella Banca dati delle prestazioni sociali agevolate di cui all'articolo 3 del decreto 16 dicembre 2014, n. 206.

1) PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE - Condizione economica valutata per l'accesso alla prestazione.

2) PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE - Condizione economica valutata per la misura dell'intervento.

3) PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE - Condizione economica valutata per la compartecipazione al costo del servizio.

 


Per prestazioni agevolate di natura sociosanitaria si intendono le prestazioni sociali agevolate assicurate nell'ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria rivolte a persone con disabilità e limitazioni dell'autonomia, ovvero interventi in favore di tali soggetti:

1) di sostegno e di aiuto domestico familiare finalizzati a favorire l'autonomia e la permanenza nel proprio domicilio;

2) di ospitalità alberghiera presso strutture residenziali e semiresidenziali, incluse le prestazioni strumentali ed accessorie alla loro fruizione, rivolte a persone non assistibili a domicilio;

3) atti a favorire l'inserimento sociale, inclusi gli interventi di natura economica o di buoni spendibili per l'acquisto di servizi;

 

Per prestazioni agevolate rivolte a minorenni si intendono le prestazioni sociali agevolate rivolte a beneficiari minorenni, ovvero motivate dalla presenza nel nucleo familiare di componenti minorenni.

 

Come rilevabile dall'articolo 3 e 4 del decreto 16 dicembre 2014, n. 206 è una prerogativa dell'ente competente alla disciplina della prestazione stabilire che la stessa sia condizionata alla verifica della condizione economica dei beneficiari o meno. Pertanto è da ritenere che la valutazione dell'ISEE, non possa essere considerato un presupposto per la qualificazione di una prestazione sociale come agevolata, bensì un effetto derivante dalla necessità di misurare la condizione economica dei benficiari, qualora l'Ente erogatore preveda la verifica della condizione economica.



Linee guida per la trasmissione dati al SIUSS e indicazioni per gli ambiti sociali
Network OT11 - OT2

LINEE GUIDA PER LA TRASMISSIONE DATI AL SIUSS E INDICAZIONI PER GLI AMBITI SOCIALI

Registrazione video relativa al webinar del 14 settembre 2018

Scarica Accordo per l’avvio della sperimentazione in materia di banca dati delle valutazioni e progettazioni personalizzate
Linee guida per la trasmissione dati al SIUSS e indicazioni per gli ambiti sociali
L’Area di Lavoro Comune e le linee guida prodotte
“Linee guida per l’alimentazione del SIUSS e gli adempimenti connessi al Reddito di inclusione (ReI)” - marzo 2018
“Linee guida per l’alimentazione del SIUSS e gli adempimenti connessi al Reddito di inclusione (ReI)” - settembre 2018
"Linee guida per il popolamento della banca dati SINA” - marzo 2018
 
Casellario dell'Assistenza


Dal 7 novembre 2016 sarà attivo via web attraverso il seguente percorso: Servizi on line > per tipologia di utente > Enti Pubblici e previdenziali > Casellario dell'Assistenza con codice fiscale e PIN oppure in cooperazione applicativa dalla porta dominio INPS il canale telematico attraverso cui gli Enti Gestori dovranno trasmettere le informazioni per alimentare il Casellario dell'Assistenza.

Il 25 marzo 2015 è entrato in vigore il decreto interministeriale n. 206/2014 che contiene le modalità attuative del Casellario dell’assistenza: una Banca dati per la raccolta delle informazioni e dei dati relativi alle prestazioni sociali erogate da tutti gli enti centrali dello Stato, gli enti locali, gli organismi gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie.

Gli Enti dovranno trasmettere telematicamente all’INPS i dati e le informazioni contenute nei propri archivi e banche dati, per la realizzazione di una base conoscitiva per la migliore gestione della rete dell’assistenza sociale, dei servizi e delle risorse.

La prima sezione del Casellario, la Banca dati delle prestazioni sociali agevolate (PSA), condizionate all’ISEE, è stata già disciplinata dal decreto ministeriale 8 marzo 2013, integralmente recepito dal sopra citato decreto interministeriale 206/2014, che affida all’Inps il compito di definire le modalità attuative e le specifiche tecniche per l’acquisizione, la trasmissione e lo scambio delle informazioni.

L’Istituto ha quindi adottato un apposito decreto direttoriale per l’avvio della Banca dati, che ha ottenuto il parere favorevole del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e del Garante per la protezione dei dati personali.

In questa pagina è disponibile il disciplinare tecnico allegato al decreto direttoriale n. 8 del 10 aprile 2015.

 
Parte il Casellario dell'assistenza sociale, tutte le informazioni in rete

Parte il Casellario dell'assistenza sociale, tutte le informazioni in rete

Decreto 16 dicembre 2014, n. 206

Sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 57 del 10 marzo 2015 è stato pubblicato il Decreto 16 dicembre 2014, n. 206:"Regolamento recante modalità attuative del Casellario dell'assistenza, a norma dell'articolo 13 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

 
Banca dati delle prestazioni sociali agevolate

Decreto Direttoriale n. 8 del 10 aprile 2015 - Banca dati delle prestazioni sociali agevolate

Al fine di consentire la gestione integrata delle prestazioni sociali agevolate, gli Enti Erogatori, con proprie risorse umane e strumentali e senza maggiori oneri finanziari per la finanza pubblica, trasmettono alla BDPSA, in via telematica le informazioni e i dati relativi a tutte le posizioni assistenziali presenti nei propri archivi e banche dati

 


free pokerfree poker

LEA extra LEA

 

COORDINAMENTO

REGIONALE

Enti Gestori

dei Servizi Sociali

Immagine Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2018, n. 34-7966
Giovedì 20 Dicembre 2018
D.G.R. 30 novembre 2018, n. 34-7966 sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 51 del 20 dicembre 2018 è stata pubblicata Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2018, n. 34-7966: "Adesione alla sperimentazione di interventi in favore di coloro che, al compimento della maggiore età, vivono fuori dalla famiglia di origine sulla base di un provvedimento dell'autorità... Leggi tutto...
Immagine Deliberazione della Giunta Regionale 19 ottobre 2018, n. 23-7726
Giovedì 15 Novembre 2018
D.G.R. 19 ottobre 2018, n. 23-7726 sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 46 del 15 novembre 2018 è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 19 ottobre 2018, n. 23-7726: Piano regionale 2018-2020 per la lotta alla povertà di cui alla DGR n. 43-6593 del 9.3.2018 modificata e integrata con DGR n. 20-7006 del 8.06.2018: adempimenti relativi alle somme assegnate per... Leggi tutto...
Immagine Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2018, n. 40-7841
Giovedì 15 Novembre 2018
D.G.R. 9 novembre 2018, n. 40-7841 sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 46 del 15 novembre 2018 è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2018, n. 40-7841: L.119/2013 e LR 4/2016. Approvazione criteri per il finanziamento in conto capitale di nuovi Centri antiviolenza e di nuove soluzioni di accoglienza per le donne vittime di violenza, sole e con figli... Leggi tutto...
Immagine Determinazione Dirigenziale 14 novembre 2018, n. 1280
Giovedì 15 Novembre 2018
D.D. 14 novembre 2018, n. 1280 sul supplemento ordinario n. 2 al Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 46 del 15 novembre 2018 è stata pubblicata la Determinazione Dirigenziale 14 novembre 2018, n. 1280: DGR n.40-7841 del 9.11.2018. Bando per l'accesso ai finanziamenti in conto capitale per la creazione di Centri Antiviolenza e di nuovi posti per l'accoglienza di donne vittime di... Leggi tutto...
Immagine Deliberazione della Giunta Regionale 12 ottobre 2018, n. 28-7693
Mercoledì 31 Ottobre 2018
D.G.R. 12 ottobre 2018, n. 28-7693 sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 44 del 31 ottobre 2018 è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 12 ottobre 2018, n. 28-7693: "D.Lgs. 13/04/2017, n. 65 - Legge Regionale n. 18/2017 art. 18 - Nuova disciplina dei requisiti strutturali, gestionali e organizzativi del servizio educativo in contesto domiciliare denominato nido in... Leggi tutto...
Sito realizzato da Gianni Zillante by JOOMLA

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento: privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information