Determinazione Dirigenziale 3 dicembre 2014, n. 251
RISORSE PUBBLICHE - FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE

D.D. 3 dicembre 2014, n. 251

sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 6 del 12 febbraio 2015 è stata pubblicata la Determinazione Dirigenziale 3 dicembre 2014, n. 251: D.G.R.18-474 del 27.10.2014 "Fondo nazionale per le non autosufficienze per l'anno 2014. Assegnazione risorse a sostegno della domiciliarità in lungoassistenza a favore delle persone non autosufficienti per un ammontare complessivo pari ad euro 26.758.000,00". Impegno di euro 23.158.000,00 sul cap.152662 (assegnazione n. 100379) ed accertamento di euro 26.758.000,00 sul capitolo di entrata 24600/2014.

 
La Commissione europea approva il POR FSE 2014-2020 del Piemonte E-mail
Unione Europea - i Servizi Sociali nell'Unione Europea



Con decisione n. C (2014) 9914 del 12 dicembre 2014, la Commissione Europea ha approvato il POR FSE 2014-2020 del Piemonte.

Il Programma Operativo Regionale permetterà in tal modo alla Regione Piemonte di gestire, da gennaio 2015 sino a dicembre 2023, quasi un miliardo di euro nell’ambito dell’obiettivo “Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione”, per il rafforzamento della coesione economica, sociale e territoriale in Piemonte.

Il POR FSE è strutturato in quattro Assi corrispondenti ad Occupazione, Inclusione sociale e lotta alla povertà, Istruzione e formazione, Capacità istituzionale e amministrativa.

 
Corte Costituzionale - Sentenza n. 8 del 26 gennaio 2015 E-mail
GIURISPRUDENZA - CORTE COSTITUZIONALE

Giudizio di legittimità costituzionale in via principale. Sanità pubblica - Concorso degli utenti al costo delle prestazioni sanitarie, sociosanitarie e sociali - Determinazione della quota di compartecipazione sulla base dell'indicatore della situazione economica equivalente (ISEE). - Legge della Regione Marche 23 dicembre 2013, n. 49 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2014 e pluriennale 2014/2016 della Regione - Legge finanziaria 2014), art. 8, comma 3. - (GU 1a Serie Speciale - Corte Costituzionale n. 5 del 4-2-2015)

Scarica la sentenza
 
Split payment P.A.: si applica alle operazioni fatturate a partire da 1/1/2015 E-mail
AREA PUBBLICA COORDINAMENTO - Adempimenti amministrativi Enti Gestori

Le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti degli enti pubblici, compresi quelli territoriali e i loro consorzi, verranno retribuite per il solo corrispettivo al netto dell'Iva: l'imposta dovrà essere versata direttamente all'erario secondo modalità e termini da determinarsi con uno specifico decreto ministeriale di cui si attende l'emanazione. Il Dm dovrà chiarire come, all'atto pratico, le amministrazioni dovranno gestire questi versamenti.

 

È in fase di perfezionamento il decreto di attuazione delle nuove disposizioni in materia di scissione dei pagamenti (split payment) previste dall’articolo 1, comma 629, lettera b), della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015). La norma stabilisce che le pubbliche amministrazioni acquirenti di beni e servizi, ancorché non rivestano la qualità di soggetto passivo dell’IVA, devono versare direttamente all’erario l’imposta sul valore aggiunto che è stata addebitata loro dai fornitori leggi tutto

Il meccanismo dello split payment non si applica però alle prestazioni di servizi assoggettate a ritenuta d'acconto.

Per le Pa che omettono o ritardano il versamento dell'imposta scatta una sanzione pari al 30% dell'importo non versato.

Primo versamento all'Erario il 16 aprile 2015
Scarica l'approfondimento
La data di emissione della fattura decide l'applicazione Scarica l'approfondimento
Applicazione alle operazioni fatturate a partire dal 1/1/2015 Scarica comunicato del MEF
Decreto del MEF del 23 gennaio 2015 Scarica il decreto
Agenzia delle Entrate C. n. 1/E del 09/02/15 Scarica la circolare
Decreto del MEF del 20 febbraio 2015 Scarica il decreto
Agenzia delle Entrate C. n. 14/E del 27/03/15 - punto 4
Scarica la circolare
ARCONET - sezione FAQ - corretta contabilizzazione operazioni Scarica FAQ
 
Consiglio di Stato - Sentenza n. 339 del 26.01.2015 E-mail
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA - 2015

La qualifica di anziano non autosufficiente, non esclude che a detta condizione possa associarsi quella più grave di disabile, con effetto sull’emersione di un maggior impegno dei presidi sanitari apprestati.

Scarica la sentenza
 
Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 10/E del 23 gennaio 2015 E-mail
TERZO SETTORE - ANTE 2020

L'interpello esaminato dalla Direzione centrale dell'Agenzia delle Entrate è relativo alla possibilità per una fondazione ONLUS di mantenere la qualifica di onlus, anche nell'ipotesi in cui, nell'ambito della propria attività di consultorio renda anche prestazioni il cui corrispettivo, non rimborsato dalla Regione, resta a carico dello stesso utente".

L'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 10/E del 23 gennaio 2015, ribadisce che l'articolo 10, comma 1, lett. c, del D.Lgs. n. 460/97 prevede, per le ONLUS, il divieto di svolgere attività diverse da quelle previste istituzionalmente e nei settori indicati, " ad eccezione delle attività ad esse direttamente connesse". Sono tali le attività accessorie per natura a quelle statutarie istituzionali, in quanto integrative delle stesse.

Si ricorda che l'esercizio di tali attività "direttamente connesse" è consentito a condizione che non siano prevalenti rispetto a quelle istituzionali e che i relativi proventi non superino il 66% delle spese complessive dell'organizzazione.

Come già precisato dalla circolare n. 168/E del 26/6/1998, " la prevalenza va valutata tenendo conto di un insieme di elementi rilevanti al fine di una comparazione tra le attività istituzionali e quelle direttamente connesse, quali ad es. gli investimenti, l'impiego delle risorse materiali ed umane ed il numero delle prestazioni effettuate".

Conclude l'Agenzia affermando che l'ONLUS, pur incassando dei compensi per le prestazioni aggiuntive rese ai medesimi pazienti a completamento di una terapia già in corso, non perda la qualifica di onlus.

 
Deliberazione della Giunta Regionale 15 dicembre 2014, n. 4-750
RISORSE PUBBLICHE - FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE

D.G.R. 15 dicembre 2014, n. 4-750

sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 3 del 22 gennaio 2015 è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 15 dicembre 2014, n. 4-750 "Variazione al bilancio di previsione per l'anno finanziario 2014. Iscrizione di fondi, provenienti dallo Stato, per la realizzazione di prestazioni e servizi assistenziali a favore di persone non autosufficienti".

 
Nuove norme europee per le vittime di violenze E-mail
Unione Europea - i Servizi Sociali nell'Unione Europea



Sono entrate in vigore in tutta l’Unione europea nuove norme che consentono di tutelare maggiormente le vittime di reati di violenza e di stalking. Da domenica scorsa infatti gli ordini di restrizione, protezione e allontanamento saranno validi in tutti i 28 Paesi dell’Unione, in maniera immediata. leggi tutto

Scarica la direttiva
 
Deliberazione della Giunta Regionale 12 gennaio 2015, n. 10-881 E-mail
ATTI REGIONALI IN MATERIA SOCIALE - Atti e DGR in materia sociale

D.G.R. 12 gennaio 2015, n. 10-881

sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 2 del 15 gennaio 2015 è stata pubblicata la Deliberazione della Giunta Regionale 12 gennaio 2015, n. 10-881: "Linee guida per la gestione transitoria dell'applicazione della normativa ISEE di cui al DPCM 5 dicembre 2013, n. 159.".

 


Pagina 71 di 93
free pokerfree poker

SANITÀ e SERVIZI SOCIALI

SOTTO LA MOLE

 

COORDINAMENTO

REGIONALE

Enti Gestori

dei Servizi Sociali

RISORSE PUBBLICHE

infoATTI

- Politiche Sociali

- Sanità

 

 

COESIONE SOCIAE

- Organizzazione e Uffici

 

FINANZIAMENTI

- Bandi di Gara e Avvisi

 19 visitatori online
Utenti : 39
Contenuti : 2782
Link web : 81
Tot. visite contenuti : 1203610

Agricoltura Sociale

SOSTENITORI E SPONSOR DI PIEMONTE SOCIALE

 


 

Associazione

di Volontariato

La Tavola Rotonda



Sito realizzato da Gianni Zillante by JOOMLA

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento: privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information